spot_img

Zombie, cellulari e le elezioni alle porte


Non è più raro ormai salire su un treno o una metropolitana e assistere al seguente spettacolo: un passeggero sale, si siede – o nel caso di grande affluenza, rimane in piedi – si rilassa, tira fuori dalla tasca il suo smartophone e non ne stacca più gli occhi fino alla fine del suo viaggio.

Non è più raro ormai salire su un treno o una metropolitana e assistere al seguente spettacolo: un passeggero sale, si siede – o nel caso di grande affluenza, rimane in piedi – si rilassa, tira fuori dalla tasca il suo smartophone e non ne stacca più gli occhi fino alla fine del suo viaggio.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania