spot_img

La Bielorussia parla di “guerra ibrida” dell’Occidente


Secondo la retorica di Lukashenko, l’Occidente starebbe portando avanti una "marcia verso est", con la Russia come obiettivo ultimo

Secondo la retorica di Lukashenko, l’Occidente starebbe portando avanti una “marcia verso est”, con la Russia come obiettivo ultimo

Nel suo primo discorso in pubblico dal giorno del dirottamento del volo Ryanair, il Presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha detto che l’Occidente sta portando avanti una “guerra ibrida” contro di lui, e non solo: nella ricostruzione offerta al Parlamento – ma non sostenuta da prova alcuna – ha aggiunto infatti che l’obiettivo ultimo di questa presunta campagna di destabilizzazione sarebbe la Russia.

Lo stratagemma retorico di Lukashenko

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

Germania: la debacle dei partiti al governo

Colombia: la rottura di Petro con Israele

Il confine tra le due Coree torna caldissimo

Argentina: Javier Milei e la sua shock-therapy

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo