Burkini, bikini


L’Occidente e il costume da bagno integrale delle musulmane “moderne”.

L’Occidente e il costume da bagno integrale delle musulmane “moderne”.

Monokini, trikini, face-kini, fatkini… tante le declinazioni del bikini. Diversi modelli di costumi per diverse esigenze: politiche, mediche, estetiche, e anche religiose. Nel 2003 nasce infatti il burkini, il primo costume da bagno femminile “islamicamente corretto”.

Più che intero, integrale, il burkini è composto da un pantalone, una tunica a girocollo e una cuffia che lasciano scoperti esclusivamente i piedi, le mani e il viso di chi lo indossa. Malgrado il nome quindi, questo “tre pezzi musulmano” non è il risultato di una fusione tra la burka islamica e il bikini, ma piuttosto una via di mezzo tra i valori ai quali questi due indumenti femminili sono associati: la pietà religiosa da una parte, e l’emancipazione della donna dall’altra.

A disegnare il primo costume per la “musulmana moderna” è stata Aheda Zanetti, una stilista australiana d’origine libanese e proprietaria di un’azienda di “sportswear Sharia conformant”.

Desiderosa di trovare un modello adatto alle donne credenti e attive per permettere loro di partecipare agli sport acquatici e ad altre attività quotidiane, Aheda inventa quindi il burkini – un suo marchio registrato – come una sorta di compromesso tra religione e integrazione.

L’ispirazione pare l’abbia trovata guardando sua nipote giocare a basket con il velo. Contrariamente all’hijab che ostacola il movimento, la stilista era alla ricerca di qualcosa di pratico ma allo stesso tempo di discreto, capace di mantenere un certo pudore, in conformità con la sua interpretazione dell’islam

Grazie a Internet ma anche allo sviluppo del mercato halal, burkini è diventato un marchio di riferimento per le donne musulmane, in particolar modo per quelle che vivono nei paesi europei.

Può sorprendere che una parte della clientela sia composta da donne non credenti. In Inghilterra, il 15% delle acquirenti del costume integrale non sono musulmane. Spinte verso un’impossibile eccellenza estetica dai media e dalla società dei consumi, alcune donne laiche adottano l’indumento per nascondere i chili in eccesso o altri difetti estetici.

Da Ruqaya al-Ghasara, atleta del Bahrein che nel 2006 ha vinto i 200 metri dei Giochi asiatici di Doha indossando la versione da corsa del burkini, a Easkey Britton, surfista irlandese che l’ha indossato sulle spiagge iraniane, anche le star dello sport che scelgono il burkini sono sorprendentemente diverse tra loro

Oggetto di culto, in tutti i sensi, il burkini è anche un classico dell’islamic fashion business. Dalle passerelle di Abu Dhabi lo ritroviamo non solo su Al Jazeera, ma anche nelle pagine della stampa femminile, da Vogue a Grazia.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img