spot_img

Etiopia: verso la guerra civile?


Etiopia: il Primo Ministro, premio Nobel per la pace nel 2019, ha lanciato un'offensiva contro la regione del Tigray. Per gli analisti, è probabile che scoppi una guerra civile

Mercoledì scorso il Primo Ministro dell’Etiopia, Abiy Ahmed, ha ordinato un’offensiva contro la regione del Tigrè (o Tigray), nel nord del Paese, dopo aver accusato le autorità locali di aver attaccato una postazione militare del Governo centrale. Nel timore che gli scontri – intensificatesi giovedì – possano espandersi anche sul proprio territorio, ieri il Sudan ha annunciato la chiusura del confine con l’Etiopia.

Che cosa sta succedendo in Etiopia

Abiy – in carica dal 2018 e vincitore del premio Nobel per la pace nel 2019 – ha accusato il Fronte popolare di liberazione del Tigrè (Tplf), che governa la regione, di aver attaccato una base dell’esercito nella città di Dalsha per rubare artiglieria ed equipaggiamento vario. Il Tplf non ha rivendicato il gesto.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

Israele/Palestina: la guerra del gas

Mezzo mondo va al voto nel 2024: ma come e per fare cosa?

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo