spot_img

I “movimenti” alla prova di governo


L’inadeguatezza della classe dirigente europea nella gestione delle sfide globali è la principale causa del successo dei movimenti populisti. Il consenso non assicura la capacità di governare.

L’inadeguatezza della classe dirigente europea nella gestione delle sfide globali è la principale causa del successo dei movimenti populisti. Il consenso non assicura la capacità di governare.

Da oltre un ventennio si parla di uno Zeitgeist populista. Di un’ondata di dissenso sociale, primitivo e semplicista, che vive di discorsi radicali, si alimenta di emozioni collettive, evoca sospetti, infonde dubbi e promuove provocazioni verbali; che, non di rado, divengono pure fisiche. Insomma, un fenomeno che, spesso trasformando una leadership carismatica in un vero e proprio culto della personalità, cerca di riunire intorno a sé coloro che si sentono ai margini della società e del suo progresso in quanto sedicenti vittime della globalizzazione, così come si sentono esclusi dalla vita democratica in quanto non considerati, nelle loro istanze e nei loro bisogni, dal sistema politico-istituzionale che li circonda.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo