L’intervista. Lo sguardo di Nachtwey


Da lavapiatti a fotografo di guerra: Nachtwey racconta come ha iniziato e cosa lo spinge a continuare a girare il mondo per raccontare la guerra con gli occhi delle vittime e le malattie dalla parte dei malati. Da trent’anni i suoi scatti emozionano e raccontano le vicende di chi la storia la subisce.

Da lavapiatti a fotografo di guerra: Nachtwey racconta come ha iniziato e cosa lo spinge a continuare a girare il mondo per raccontare la guerra con gli occhi delle vittime e le malattie dalla parte dei malati. Da trent’anni i suoi scatti emozionano e raccontano le vicende di chi la storia la subisce.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale