eastwest challenge banner leaderboard

Usa-Cina, fine della guerra commerciale

Primo accordo per la rimozione reciproca dei dazi. È l'inizio della pace?

Il coltivatore di mais e soia Don Swanson si prepara a raccogliere il suo raccolto di mais mentre lui e altri agricoltori dell'Iowa soffrono per i dazi imposti dalla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina che continuano a influenzare le attività agricole a Eldon, Iowa, USA, ottobre 4, 2019. REUTERS/Kia Johnson
Il coltivatore di mais e soia Don Swanson si prepara a raccogliere il suo raccolto di mais mentre lui e altri agricoltori dell'Iowa soffrono per i dazi imposti dalla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina che continuano a influenzare le attività agricole a Eldon, Iowa, USA, ottobre 4, 2019. REUTERS/Kia Johnson

Il Ministero del Commercio cinese ha detto ieri che la Cina e gli Stati Uniti si sono accordati per rimuovere i dazi che si sono imposti reciprocamente nel corso della guerra commerciale, iniziata all’inizio del 2018.

La Cina non ha fornito alcun dettaglio sulle tempistiche. Ma ha specificato che la cancellazione simultanea e proporzionata di una parte delle tariffe rappresenta il punto di partenza verso un accordo che possa mettere fine alla trade war tra i due Paesi.

Reuters scrive che la Cina avrebbe chiesto agli Stati Uniti di rimuovere i dazi del 15% - entrati in vigore il 1° settembre scorso - che hanno colpito beni cinesi per un valore di circa 125 miliardi di dollari. Fonti sentite dall’agenzia hanno evocato la possibilità di un incontro imminente – luogo e data precisi sarebbero ancora da definire – tra Donald Trump e Xi Jinping, durante il quale i due Presidenti firmeranno un accordo.

Entrambe le parti hanno fretta di giungere a una pace, perché la trade war sta danneggiando le economie dei due Paesi: insomma, non si è né rivelata “facile da vincere” per gli Stati Uniti (come affermava Trump), né sostenibile a lungo per la Cina (la cui strategia sembrava vertere sull’attesa di un cedimento americano).

Il punto, però, è che lo scontro tra Washington e Pechino non è soltanto di natura commerciale. La trade war, anzi, era scoppiata per ragioni diverse: l’amministrazione Trump vuole innanzitutto che la Cina interrompa la pratica – definita scorretta – di acquisizione delle proprietà intellettuali delle aziende americane che operano sul suo territorio.

@marcodellaguzzo

Su questo argomento, leggi anche

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA