spot_img

Omicidio Dugina, c’è Kiev dietro (secondo le spie Usa)


Secondo l'intelligence degli Stati Uniti, l'attentato di Daria Dugina, figlia del filosofo Aleksandr Dugin, teorico del “neo-eurasiatismo” e promotore di un’idea di Russia nazionalista e aggressiva, è stato ordinato dall'Ucraina

Secondo l’intelligence degli Stati Uniti, l’attentato di Daria Dugina, figlia del filosofo Aleksandr Dugin, teorico del “neo-eurasiatismo” e promotore di un’idea di Russia nazionalista e aggressiva, è stato ordinato dall’Ucraina

Le agenzie di intelligence degli Stati Uniti sostengono che l’attentato dello scorso agosto che uccise Daria Dugina nei pressi di Mosca – era la figlia del filosofo Aleksandr Dugin, teorico del “neo-eurasiatismo” e promotore di un’idea di Russia nazionalista e aggressiva che ha influenzato anche Vladimir Putin – sia stato ordinato dall’Ucraina, o almeno da alcuni organi del suo Governo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo