spot_img

Ucraina: guerra alla corruzione


In Ucraina, il problema endemico della corruzione è rimasto irrisolto fin dall’indipendenza del paese e coinvolge i tribunali, la politica, la cultura imprenditoriale, le banche, i media e anche il settore militare.

Sin dall’inizio del conflitto in Ucraina nel febbraio 2022 è stata palesata l’opportunità che Kiev potesse entrare a far parte dell’Unione Europea attraverso una ‘via preferenziale’ che tenesse conto dello sforzo bellico ucraino contro la Federazione Russa. Il 28 febbraio 2022 è quindi arrivata la richiesta formale da parte del Governo ucraino all’Unione Europea per dare vita al processo di adesione che nel corso dei mesi è stato ribadito e reiterato sia da Kiev che da diversi paesi europei.

Occorre evidenziare, però, che negli anni passati il mancato ingresso ucraino nell’Ue è stato dovuto a una serie di criticità che Bruxelles ha più volte evidenziato. Infatti, da quando il processo di ingresso ucraino nell’Ue sembra destinato a realizzarsi, Bruxelles ha spesso chiesto a Kiev di implementare le riforme in modo da soddisfare i criteri di Copenaghen.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

Israele/Palestina: la guerra del gas

Mezzo mondo va al voto nel 2024: ma come e per fare cosa?

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo