spot_img

Wto, il direttore generale annuncia le dimissioni. E ora?


Wto: le dimissioni del direttore generale si devono probabilmente alle tensioni con Trump. Tra i candidati il messicano Jesus Seade, vicino sia agli Usa che alla Cina

Il 14 maggio Roberto Azevedo ha annunciato le dimissioni da direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio (World Trade Organization, Wto), che saranno effettive il prossimo 31 agosto. Il suo ritiro inaspettato ha aggiunto un ulteriore elemento di incertezza in un momento già molto delicato per l’economia globale, tra la pandemia di Covid-19 e le trade wars che vedono gli Stati Uniti contrapposti all’Europa e alla Cina.

Le dimissioni di Azevedo sono state collegate – ma non dal diretto interessato – alle tensioni fra il Wto e l’amministrazione Trump. Al multilateralismo delle grandi organizzazioni, Donald Trump preferisce infatti i negoziati bilaterali (dove Washington può far meglio valere la sua forza sull’interlocutore); al libero scambio promosso dal Wto, invece, preferisce pratiche maggiormente protezionistiche.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cambogia: democrazia ma senza opposizione

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

Israele/Palestina: la guerra del gas

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo