spot_img

Israele: l’accordo con gli Emirati scompagina le relazioni in Medio Oriente


L'accordo Israele-Emirati divide il mondo arabo. Contrari attori regionali come Iran e Turchia, mentre il Libano apre a Tel Aviv

L’accordo Israele-Emirati divide il mondo arabo. Contrari attori regionali come Iran e Turchia, mentre il Libano apre a Tel Aviv

L’accordo annunciato la scorsa settimana tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti apre nuovi scenari per il Vicino e Medio Oriente, da una parte appianando alcuni conflitti diplomatici latenti e, dall’altra, accentuandoli. Come si legge nel comunicato congiunto Stati Uniti-Israele-Emirati Arabi Uniti, l’accordo “normalizza le relazioni” tra i due Paesi e porterà benefici, con la sottoscrizione, nei prossimi incontri, di una serie di accordi bilaterali nel campo “del turismo, della sicurezza, delle telecomunicazioni, della tecnologia, dell’energia, della salute, della cultura e dell’ambiente”.

La questione palestinese

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo