spot_img

Cina-India, ancora tensioni al confine


Cina-India: riprendono le dispute lungo la frontiera provvisoria. Ma l’India teme per l’espansione geopolitica cinese nei suoi mari

Nella regione del Ladakh riprendono i movimenti di truppe indiane e cinesi lungo la Line of Actual Control, la frontiera provvisoria stabilita dopo la guerra sino-indiana del 1962. A poco più di due mesi dallo scontro tra gli eserciti di Pechino e Nuova Delhi, che causò la morte di 20 soldati indiani, risale la tensione con reciproche accuse di sconfinamento.

Il portavoce dell’Ambasciata cinese in India, Ji Rong, ha affermato che “le truppe indiane hanno varcato la Line of Actual Control nella parte sud del lago Pangong, cancellando il consenso raggiunto, una palese provocazione che aumenta la tensione nell’area”. Secondo Ji, è stata violata la sovranità cinese e distrutta la stabilità regionale, così come la pace nelle aree di confine.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

Israele/Palestina: la guerra del gas

Mezzo mondo va al voto nel 2024: ma come e per fare cosa?

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo