spot_img

Consiglio Artico, gli Stati Uniti attaccano la Cina


L’amministrazione Trump, preoccupata per l’espansione di Pechino nell’area, blocca la dichiarazione finale del meeting perché cita il cambiamento climatico

Oceano Artico, 12 luglio 2011. REUTERS/Kathryn Hansen/NASA

L’amministrazione Trump, preoccupata per l’espansione di Pechino nell’area, blocca la dichiarazione finale del meeting perché cita il cambiamento climatico

Il meeting del Consiglio Artico di Rovaniemi, in Finlandia, si apre sotto i peggiori auspici. Il galoppante cambiamento climatico, negato a più riprese dagli Stati Uniti, mette a repentaglio la vita sulla terra e presto scatenerà una guerra commerciale per l’esplorazione di aree terrestri ancora vergini, ricche di minerali, petrolio e gas. L’interesse cinese per l’area è cosa risaputa, con la Polar Silk Road concretizzatasi con una proposta di Xi Xinping lo scorso anno.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Al via la campagna elettorale in Messico

Cambogia: democrazia ma senza opposizione

COP 28: Green New Deal for Future

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo