spot_img

Editoriale


Ho scritto le prime righe di questa lettera in russo dopo la tragica morte di Anna Stepanovna Politovskaja, assassinata
a colpi di pistola nell’ascensore della sua abitazione a Mosca in via Lesnaja.

Ho scritto le prime righe di questa lettera in russo dopo la tragica morte di Anna Stepanovna Politovskaja, assassinata
a colpi di pistola nell’ascensore della sua abitazione a Mosca in via Lesnaja.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania