spot_img

Il commercio globale dopo il cargo Ever given


L’incidente nel canale di Suez è stato preso a simbolo della debolezza delle catene di approvigionamento mondiali. Ma spieghiamo perché le filiere non sono poi così fragili

L’incidente nel canale di Suez è stato preso a simbolo della debolezza delle catene di approvigionamento mondiali. Ma spieghiamo perché le filiere non sono poi così fragili

Ieri mattina la portacontainer Ever Given, che era bloccata nel canale di Suez dal martedì precedente, ostruendo il traffico marittimo, è stata parzialmente disincagliata. Adesso la speranza è che il passaggio delle navi possa riprendere al più presto, visto che già una settimana di stop potrebbe causare al commercio globale un danno economico stimato tra i 6 e i 10 miliardi di dollari (così sostiene la società tedesca di servizi finanziari Allianz).

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

Germania: la debacle dei partiti al governo

Colombia: la rottura di Petro con Israele

Il confine tra le due Coree torna caldissimo

Argentina: Javier Milei e la sua shock-therapy

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo