spot_img

Conte in Cina sulla nuova Via della seta


La Cina propone una versione “ricalibrata” del progetto per allontanare timori e accuse. L’Italia ha aderito alla Bri, ma appoggia anche il Giappone di Abe

Il Presidente cinese Xi Jinping e il Primo Ministro italiano Giuseppe Conte durante una cerimonia di benvenuto a Villa Madama a Roma, 23 marzo 2019. REUTERS/Yara Nardi

La Cina propone una versione “ricalibrata” del progetto per allontanare timori e accuse. L’Italia ha aderito alla Bri, ma appoggia anche il Giappone di Abe

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è in Cina per partecipare al forum sulla Belt and Road Initiative (anche detta Bri o nuova Via della seta), che si terrà a Pechino fino al 27 aprile. Lo scorso marzo l’Italia era stato il primo Paese del G7 ad aderire al progetto attraverso la firma di un memorandum: la decisione era stata criticata in virtù del suo significato politico, più che per il suo valore commerciale.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Al via la campagna elettorale in Messico

Cambogia: democrazia ma senza opposizione

COP 28: Green New Deal for Future

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo