spot_img

Hong Kong, la legge sulla sicurezza preoccupa Usa e Taiwan


Hong Kong: la legge sulla sicurezza ha scatenato la forte reazione di Washington e Taipei. Per Pechino, la questione non permette l’intromissione di forze straniere

Hong Kong: la legge sulla sicurezza ha scatenato la forte reazione di Washington e Taipei. Per Pechino, la questione non permette l’intromissione di forze straniere

Hong Kong, la legge sulla sicurezza scatena la reazione di Usa e Taiwan
Manifestanti antigovernativi corrono via dopo che la polizia antisommossa li ha dispersi durante una protesta contro i piani di Pechino di imporre la nuova legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong, Cina, 24 maggio 2020. REUTERS/Tyrone Siu

La bozza di legge sulla sicurezza — ribattezzata national security law — per Hong Kong, che il Governo cinese ha annunciato nei giorni scorsi, ha provocato la forte reazione di Stati Uniti e Taiwan, Paesi definitivamente entrati in rotta di collisione con Pechino. L’annuncio dell’Assemblea Nazionale del Popolo, che rafforzerà il controllo del Partito comunista su Hong Kong, pone in essere una serie di difficoltà, su tutte le relazioni commerciali con Washington e Taipei.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img