eastwest challenge banner leaderboard

Colpo di stato in Sudan

Omar al Bashir è stato deposto dall’esercito dopo 30 anni al potere. Ma le proteste non si fermano

Manifestanti sudanesi partecipano a una protesta per chiedere al Presidente sudanese Omar Al Bashir di dimettersi, Khartoum, Sudan, 11 aprile 2019. REUTERS/Traversa
Manifestanti sudanesi partecipano a una protesta per chiedere al Presidente sudanese Omar Al Bashir di dimettersi, Khartoum, Sudan, 11 aprile 2019. REUTERS/Traversa

Il colpo di stato di ieri in Sudan, nell’Africa nord-orientale, ha portato alla deposizione del Presidente ed ex-colonnello Omar al Bashir, al potere dal 1989 a seguito di un golpe sostenuto dai fondamentalisti islamici. Bashir è stato arrestato dall’esercito e al suo posto si è installata una giunta militare che guiderà la transizione per due anni, fino alle prossime elezioni. Le forze armate hanno anche sospeso la costituzione e imposto lo stato di emergenza.

In Sudan le proteste andavano avanti dallo scorso dicembre, innescate dall’aumento del prezzo del pane e in generale dall’inflazione e dalla grave crisi economica. La rabbia popolare si era presto spostata su Bashir, accusato di corruzione e di autoritarismo, che aveva più volte ordinato la repressione violenta delle manifestazioni. La svolta c’è stata il 6 aprile scorso, quando l’esercito che Bashir aveva ristrutturato per farne un corpo fedele – è intervenuto in difesa dei manifestanti contro le forze di sicurezza del regime.

Anche se Bashir è stato rimosso, le proteste non si sono interrotte e anzi sono subito riprese a Khartum, la capitale. La popolazione si sta opponendo anche all’esercito e chiede che il comando venga trasferito piuttosto a un Governo civile.

Nel 2009 la Corte penale internazionale aveva emesso un mandato di arresto per Bashir per i crimini contro l’umanità commessi nel Darfur, una regione nell’ovest del Sudan.

La fine politica di Bashir è già stata paragonata a quella di un altro “dinosauro” africano: Abdelaziz Bouteflika, Presidente dell’Algeria dal 1999 e dimessosi la settimana scorsa. Anche in questo caso, la guida del Paese è stata temporaneamente assunta da una figura molto vicina all’ex-leader, e i militari hanno svolto un ruolo di primo piano. 

@marcodellaguzzo

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA