eastwest challenge banner leaderboard

Conte incontra il generale Haftar

L’Italia chiede il cessate il fuoco, mentre l’avanzata militare di Haftar è in stallo. L’ambasciatore in Libia ribadisce l’appoggio a Serraj

Il premier italiano Giuseppe Conte e il generale libico Khalifa Haftar alla Conferenza sulla Libia di Palermo, 12 novembre 2018. REUTERS/Guglielmo Mangiapane
Il premier italiano Giuseppe Conte e il generale libico Khalifa Haftar alla Conferenza sulla Libia di Palermo, 12 novembre 2018. REUTERS/Guglielmo Mangiapane

Il generale libico Khalifa Haftar, che a inizio aprile ha lanciato un’offensiva contro la capitale Tripoli, è stato giovedì a Roma per incontrare il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte. La prossima settimana Haftar si riunirà anche con il Presidente francese Emmanuel Macron.

Il tour in Europa del generale segue a distanza di una settimana quello del suo rivale Fayez al-Serraj, il Primo Ministro della Libia appoggiato dalle Nazioni Unite e dall’Italia. Durante il suo incontro con Haftar, durato un paio d’ore, Conte gli avrebbe ribadito la linea italiana, che è poi condivisa da gran parte della comunità internazionale: la tregua immediata dagli scontri a Tripoli e il ritorno alla “via politica” per la risoluzione della crisi.

L’azione militare di Haftar è in stallo, bloccata dall’intervento delle milizie di Tripoli e di Misurata che gli hanno impedito la rapida conquista della capitale. La stasi tattica ha certamente danneggiato l’immagine di sé che il generale ha più interesse a promuovere all’estero: quella di uomo forte, capace di “reggere” la Libia e garantirne la stabilità.

Nello stesso giorno della riunione tra Conte e Haftar, l’ambasciatore italiano in Libia ha incontrato il Ministro dell’Interno del Governo Serraj, ribadendogli l’appoggio di Roma. Sembrava però – lo ha spiegato Politico la settimana scorsa – che l’Italia stesse riconsiderando la sua posizione di sostegno incondizionato a Serraj per aprirsi maggiormente ad Haftar. Questo ammorbidimento del Governo Conte, secondo l’articolo, sarebbe stato influenzato anche dall’appoggio dato ad Haftar dal Presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

@marcodellaguzzo

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA