eastwest challenge banner leaderboard

Gli Stati Uniti consegnano l’Afghanistan ai talebani?

Sono ripresi in Qatar i negoziati tra Usa e talebani. Trump ha fretta di ritirarsi, mentre i barbuti rilanciano gli scontri per la primavera

Soldati statunitensi prendono parte a una cerimonia commemorativa per commemorare il 16° anniversario degli attacchi dell'11 settembre, Kabul, Afghanistan, 11 settembre 2017. REUTERS/Mohammad Ismail
Soldati statunitensi prendono parte a una cerimonia commemorativa per commemorare il 16° anniversario degli attacchi dell'11 settembre, Kabul, Afghanistan, 11 settembre 2017. REUTERS/Mohammad Ismail

Gli Stati Uniti e i talebani hanno ripreso in Qatar i negoziati – arrivati al sesto giro – per mettere fine alla guerra in Afghanistan. Iniziata nel 2001 con lo scopo di neutralizzare il leader di al Qaida Osama bin Laden, si tratta della guerra più lunga mai combattuta dagli americani, che mantengono nel Paese ancora 14mila soldati.

I colloqui di pace sono iniziati lo scorso febbraio e sono stati fortemente voluti dal Presidente Donald Trump, in piena aderenza alla sua dottrina isolazionista e di disimpegno internazionale. Secondo Trump, in breve, le missioni all’estero comportano grossi sprechi di risorse che non si traducono poi in benefici concreti per gli Stati Uniti.

In cambio del ritiro, Washington ha chiesto ai talebani il rispetto di alcune condizioni: la cessazione delle ostilità verso il Governo di Kabul e la garanzia che l’Afghanistan non diventi nuovamente una “base” per le organizzazioni terroristiche, dalla quale pianificare attentati nel resto del mondo.

Il rischio però è che, una volta andati via gli americani, i talebani tradiscano l’accordo. Fino ad ora si sono rifiutati di dialogare con il Governo legittimo di Ashraf Ghani, che non riconoscono e che accusano di essere un burattino degli Stati Uniti. Kabul teme perciò di venire rovesciata dai “barbuti”, che controllano o hanno influenza su una grossa parte del territorio dell’Afghanistan. In questi giorni è stata data la notizia – che tradisce la fretta americana di ritirarsi – che gli Stati Uniti hanno smesso di tenere traccia di quanti distretti sono in mano ai guerriglieri e quanti al Governo.

A metà aprile i talebani hanno annunciato una nuova offensiva primaverile, soprannominata Operazione Vittoria (fath, in arabo), con lo scopo di liberare tutto l’Afghanistan dalle forze straniere occupanti. Gli esperti dicono che la violenza e gli scontri aumenteranno con il procedere delle trattative con gli americani perché i talebani hanno intenzione di negoziare dalla posizione più forte possibile. 

@marcodellaguzzo

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA