spot_img

La parola agli uighuri


Pechino non ha più dubbi: il Movimento islamico del Turkestan orientale (ETIM) viene considerato l'organizzazione che avrebbe previsto e messo in opera l'attacco terroristico nel cuore di Pechino, lunedì scorso. Di seguito le parole di Alim Seytoff, uno dei portavoce del Congresso Uighuro in esilio.

Pechino non ha più dubbi: il Movimento islamico del Turkestan orientale (ETIM) viene considerato l’organizzazione che avrebbe previsto e messo in opera l’attacco terroristico nel cuore di Pechino, lunedì scorso. Di seguito le parole di Alim Seytoff, uno dei portavoce del Congresso Uighuro in esilio.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato senza ragione

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale