spot_img

L’ARTE – Amanda Gorman: la poesia diventa politica


Le "montagne da scalare" per Amanda Gorman sono la sostenibilità e l’invenzione di nuovi codici. Amanda è il prototipo della nuova generazione di democratici

Le “montagne da scalare” per Amanda Gorman sono la sostenibilità e l’invenzione di nuovi codici. Amanda è il prototipo della nuova generazione di democratici

Parlare di arte nell’era del Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, significa dire Amanda Gorman. Non è un artista in senso stretto. Lei non dipinge, non scolpisce, non fa foto, né video. Almeno per il momento. La sua arte sono le parole. Gorman è una poetessa e attivista impegnata a combattere temi come il razzismo, l’emarginazione, la diaspora africana e la disparità dei generi. Biden l’ha voluta accanto a sé il giorno del giuramento e lei ci è andata. Splendida nel suo vestito giallo di Prada, ha declamato davanti a una platea globale e senza un briciolo d’emozione “The hill we climb”, una poesia di stampo sociale con forti venature rap creata dopo i violenti disordini a Capitol Hill dello scorso 6 gennaio.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

Israele/Palestina: la guerra del gas

Mezzo mondo va al voto nel 2024: ma come e per fare cosa?

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo