EN

eastwest challenge banner leaderboard

LA NOTIZIA DEL GIORNO

Sahara occidentale: il Marocco viola la tregua con i sahrawi

Indietro    Avanti

Il Marocco ha avviato un’operazione militare nel Sahara occidentale dove dal 1991 vige una tregua con il Fronte Polisario. L’Algeria invita a sospendere immediatamente gli scontri

Una manifestazione a sostegno dell’indipendenza del Sahara occidentale a Madrid. REUTERS/Juan Medina

Venerdì il Marocco ha lanciato un’operazione militare verso la regione contesa del Sahara occidentale, dove dal 1991 vige una tregua – in realtà piuttosto fragile – con il Fronte Polisario, il gruppo armato e politico che rivendica l’indipendenza di questo territorio.

Cos’è il Sahara Occidentale

Il Sahara occidentale è una vasta regione desertica che si trova tra il Marocco (a nord) e la Mauritania (a est e a sud). Per una minima parte confina anche con l’Algeria (a est), mentre a ovest è bagnato dall’Oceano Atlantico.

Il Sahara occidentale è stato una colonia della Spagna fino al 1975, anno in cui venne annesso dal Marocco; anche la Mauritania ne controllava inizialmente una zona, salvo avervi rinunciato dopo poco tempo. All’inizio del 1976 il Fronte Polisario – espressione del popolo sahrawi e appoggiato dall’Algeria – proclamò però la Repubblica democratica araba dei sahrawi. Tra il Marocco e il Polisario scoppiò una guerra che si è conclusa solo nel 1991, con una tregua mediata dalle Nazioni Unite.

Il Sahara occidentale è stato diviso “verticalmente” in due parti: una – più grande – è controllata dal Marocco, mentre l’altra dal Fronte Polisario. L’intera regione viene considerata dall’Onu un territorio non autonomo, anche se la Repubblica dei sahrawi è riconosciuta da una quarantina di Stati.

L’accordo del 1991 prevedeva inoltre la convocazione di un referendum sull’indipendenza del territorio, che però non si è mai tenuto e che non rappresenta affatto una priorità per il Governo marocchino. Che, al contrario, ha interesse a rafforzare il controllo sulla regione, anche attraverso investimenti economici e infrastrutturali.

Perché il Sahara occidentale è importante

Per il Marocco, infatti, il Sahara occidentale è importante per diversi motivi: per le risorse naturali – i depositi di fosfati e i pesci – e perché rappresenta l’unica via di collegamento terrestre a un altro Paese africano (la Mauritania) che non sia l’Algeria.

L’Algeria, come accennato, sostiene il Fronte Polisario. C’è una ragione strategica: per Algeri è preferibile avere come vicina la Repubblica dei sahrawi – un attore regionale molto minore – piuttosto che un Marocco dalle dimensioni accresciute.

Che cosa sta succedendo tra Marocco e Fronte Polisario

Due giorni fa il Marocco ha avviato un’operazione militare nel Sahara occidentale per – stando alla versione del Governo di Rabat – disperdere un gruppo di manifestanti vicini al Fronte Polisario che da settimane stavano bloccando il passaggio di mezzi e merci a El Guerguerat. Si tratta di una località nell’estremo sud-ovest del Sahara occidentale, controllata dal Marocco e vicina alla Mauritania, che rappresenta un importante centro per gli scambi commerciali nell’Africa occidentale.

Le tensioni nel Guerguerat tra Marocco e Polisario, comunque, non sono una novità: il Fronte considera la strada costruita nel Guerguerat una violazione dell’accordo del 1991, in quanto avrebbe favorito la presenza militare marocchina nella zona.

Una volta disperso il blocco, comunque, la situazione sembra essersi aggravata. L’esercito marocchino ha detto infatti di aver utilizzato delle armi anticarro per respingere un attacco del Fronte Polisario verso una propria postazione militare. Il Polisario ha confermato l’attacco ma ha accusato Rabat di “aggressione” e di violazione della tregua.

La risposta dell’Algeria è stata affidata a un comunicato dai tipici toni diplomatici, dove si legge che il Paese “condanna le violazioni del cessate-il-fuoco” e invita le due parti a sospendere immediatamente le operazioni militari per non compromettere “la stabilità dell’intera regione”.

@marcodellaguzzo

Continua a leggere questo articolo e tutti gli altri contenuti di eastwest e eastwest.eu.

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica a € 45.
Se desideri solo l’accesso al sito e l’abbonamento alla rivista digitale, il costo per un anno è € 20

Abbonati


Hai già un abbonamento PREMIUM oppure DIGITAL+WEB? Accedi al tuo account




GUALA