PRIMA PAGINA – Le ragioni di una scelta


Emmanuel Macron è già nella storia del processo di costruzione europeo, per aver avuto il coraggio, direi quasi la sfacciataggine, di condurre una campagna elettorale all’insegna degli Stati Uniti d’Europa, sugellata da quella simbolica ed emozionante passeggiata per festeggiare la vittoria, con la colonna sonora dell’inno alla gioia di Beethoven. E farlo con un approccio che i suoi stessi collaboratori non esitano a definire “bonapartista” è ancora più significativo perché, in apparente contrasto con la prospettiva federale, in realtà la rafforza inesorabilmente.

Emmanuel Macron è già nella storia del processo di costruzione europeo, per aver avuto il coraggio, direi quasi la sfacciataggine, di condurre una campagna elettorale all’insegna degli Stati Uniti d’Europa, sugellata da quella simbolica ed emozionante passeggiata per festeggiare la vittoria, con la colonna sonora dell’inno alla gioia di Beethoven. E farlo con un approccio che i suoi stessi collaboratori non esitano a definire “bonapartista” è ancora più significativo perché, in apparente contrasto con la prospettiva federale, in realtà la rafforza inesorabilmente.

Noi di Eastwest siamo nati 14 anni fa, sotto l’egida di un gruppo bancario che stava costruendo allora la sua dimensione europea e che ha quindi ritenuto intelligente promuovere un dibattito che vedesse l’Europa protagonista, affidandone a me la regia, che provenivo dagli insegnamenti dell’europeismo fattivo e non di maniera di Renato Ruggiero. Oggi Unicredit esce di scena, lasciandoci più indipendenti e più forti, con la reputazione e la considerazione che ci consente di continuare a spingere l’idea di un’Europa federale, nella quale non abbiamo mai smesso di credere, nel dibattito internazionale.

Unicredit esce di scena anche dalla mia vita, perché ho deciso di dedicarmi a tempo pieno alla costruzione di un polo di ricerca, editoria e formazione, l’Eastwest European Institute, che ambisca ad una sana competizione con i giganti americani del settore.

Mentre mi accingevo a riprogrammare la mia vita professionale, Emma Bonino, di cui tutti conoscono le battaglie per i diritti, laddove andrebbe esaltata anche la sua stagione da coraggioso Commissario europeo, mi ha bruscamente chiesto di investire la mia “reputazione borghese” in un progetto politico rischioso ma alto: costruire un movimento europeista, che costituisse un acceleratore decisivo del ruolo del nostro paese verso gli Stati Uniti d’Europa, provando a spiegare agli Italiani che l’Europa è non utile, ma indispensabile alla nostra idea di società sviluppata e solidale.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia