spot_img

Russia, il Cremlino conferma la telefonata tra Putin e il Direttore della Cia


La scorsa settimana William Burns si è recato a Mosca per dissuadere la Federazione da una possibile invasione dell'Ucraina, avvertendo sul fatto che Washington monitora da vicino la situazione

Tra il 2 e il 3 novembre il Direttore della Cia, Williams Burns, si è recato in Russia per discutere con l’apparato militare della Federazione lo stato delle relazioni con gli Stati Uniti. La scelta del viaggio di Burns ricadrebbe direttamente su Joe Biden, che avrebbe chiesto al Direttore di avvisare di persona la controparte moscovita sul fatto che Washington è al corrente dello spostamento di truppe militari russe al confine con l’Ucraina. Burns ha incontrato il Segretario del Consiglio di Sicurezza, Nikolai Patrushev e il Direttore del Foreign Intelligence Service, Sergei Naryshkin.

È piuttosto rara una missione di questo genere per il capo della Central Intelligence Agency, a dimostrazione dell’importanza della visita di Burns in Russia, volta a fungere da mediatore tra Mosca e Kiev. Per cercare di prevenire un’escalation tra i due Paesi, Biden avrebbe inviato direttamente il Direttore della Cia per cercare di dissuaderli dall’ipotesi di un’invasione, avvisando sul fatto che gli Usa monitorano da vicino la situazione.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

Germania: la debacle dei partiti al governo

Colombia: la rottura di Petro con Israele

Il confine tra le due Coree torna caldissimo

Argentina: Javier Milei e la sua shock-therapy

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo