spot_img

Iran-Israele: sfida cyber e marittima


Tra Teheran e Tel Aviv, una guerra fredda e asimmetrica con attacchi tattici a infrastrutture e obiettivi civili, con lo scopo di danneggiare l’avversario e raccogliere informazioni

Il Medio Oriente vive da più di 40 anni un conflitto a bassa intensità su più fronti. Se il Levante può essere considerato il centro di questo scontro – dalla guerra israelo-libanese del 2006 fino agli attacchi aerei israeliani su assetti militari iraniani in Siria – nell’ultimo biennio si registra tuttavia un preoccupante crescendo di azioni in dimensioni finora inedite.

Dal 2019, alla dottrina diplomatica della periferia inversa, tramite la quale Israele cerca di creare un’alleanza informale in funzione anti-iraniana con i principali paesi arabi della Regione, si abbina una serie continua di attacchi (non rivendicati) a navi commerciali, iraniane e israeliane, nel tratto di mare che si dipana dal Golfo Persico al Mar Rosso.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

La guerra tra Israele e Iran

In Sudan si combatte da un anno esatto

Spagna: i golden visa e la crisi abitativa

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo