spot_img

Libia: il Direttore della CIA William Burns a colloquio con Haftar e Dbeibah


Il capo dell’intelligence Usa nel Paese nord africano per questioni di sicurezza energetica e anti-terrorismo dopo la consegna da parte delle autorità locali dell’agente libico Al-Marimi accusato della strage di Lockerbie

Quando il Direttore della Cia si reca in visita in uno stato straniero è sempre per motivi estremamente importanti e non può che far notizia il viaggio di William Burns in Libia, Paese ancora nel caos dalla caduta di Mu’ammar Gheddafi, avvenuta nel 2011. Il capo dell’agenzia d’intelligence statunitense ha incontrato sia il Primo Ministro Hamid Dbeibah che il Generale Khalifa Haftar, che ancora non cede alle istanze unitarie in arrivo dalla Tripolitania, mantenendo forte il controllo sulla Cirenaica, la parte est del Paese.

La Libia non ha ancora pace, con i numerosi tentativi di svolgere le elezioni generali letteralmente andati in fumo. La visita di Burns potrebbe segnare uno spartiacque importante sul piano della sicurezza energetica ma anche dal punto di vista delle relazioni con gli Stati Uniti, che hanno trovato terreno fertile alla collaborazione sull’estradizione di Abu Agila Mohammad Mas’ud Kheir Al-Marimi, ex agente dell’intelligence libica accusato di aver costruito la bomba esplosa nel 1988 sul volo della Pan Am nei pressi di Lockerbie.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

Germania: la debacle dei partiti al governo

Colombia: la rottura di Petro con Israele

Il confine tra le due Coree torna caldissimo

Argentina: Javier Milei e la sua shock-therapy

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo