spot_img

I capi dell’intelligence di Siria e Turchia si incontrano


Stando alle fonti di Reuters pare che dietro ci sia la Russia, che avrebbe interesse a una "soluzione politica" tra Erdogan e Assad per ridurre l'impegno militare in Siria e concentrarsi sulla guerra in Ucraina

Stando alle fonti di Reuters pare che dietro ci sia la Russia, che avrebbe interesse a una “soluzione politica” tra Erdogan e Assad per ridurre l’impegno militare in Siria e concentrarsi sulla guerra in Ucraina

I capi dei servizi di intelligence di Turchia e Siria, Hakan Fidan e Ali Mamlouk, hanno tenuto diversi incontri a Damasco nelle ultime settimane. Non è una novità assoluta – i due si sono infatti riuniti più volte dal 2020 ad oggi –, ma la costanza e la maggiore frequenza dei meeting registrata di recente suggerisce che vi siano degli sviluppi importanti in corso. Stando alle fonti di Reuters, Fidan – uno degli uomini più vicini al Presidente turco Recep Tayyip Erdogan – avrebbe proposto all’omologo siriano di far incontrare i Ministri degli Esteri di Ankara e Damasco, portando così i contatti bilaterali su un livello più alto.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo