spot_img

La tassa minima globale farà bene anche all’Italia


Grazie alla svolta impressa da Joe Biden al G7, è stato varato un accordo che fissa le imposte sugli utili delle imprese al 15% e vincola le multinazionali a versarle almeno in parte nei Paesi dove hanno mercato

Grazie alla svolta impressa da Joe Biden al G7, è stato varato un accordo che fissa le imposte sugli utili delle imprese al 15% e vincola le multinazionali a versarle almeno in parte nei Paesi dove hanno mercato

Il summit del G7 di Aylesbury, in Gran Bretagna, non verrà ricordato solo per la solita “Photo Opportunity”. Ha infatti prodotto un accordo molto popolare (globalmente popolare potremmo dire) sul piano dell’equità fiscale globale. Come è noto il problema riguarda le grandi multinazionali, in particolare quelle del web, i cui fatturati sono cresciuti a livello siderale anche per le enormi possibilità di elusione fiscale che hanno sfruttato nell’ultimo decennio. Perché meno tasse, ovviamente, significa non solo maggiori dividendi, ma anche ulteriori investimenti.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

Germania: la debacle dei partiti al governo

Colombia: la rottura di Petro con Israele

Il confine tra le due Coree torna caldissimo

Argentina: Javier Milei e la sua shock-therapy

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo