spot_img

Ue, a che punto siamo sul dossier migranti


Il vertice del Consiglio europeo si è concluso ieri dopo lunghe ore di trattative. Draghi "molto soddisfatto" di come si è svolto il dibattito sulle migrazioni. Von der Leyen: "Niente muri e fili spinati"

Gerardo Pelosi Gerardo Pelosi
Inviato de Il sole 24 ore dal 1990.

Il vertice del Consiglio europeo si è concluso ieri dopo lunghe ore di trattative. Draghi “molto soddisfatto” di come si è svolto il dibattito sulle migrazioni. Von der Leyen: “Niente muri e fili spinati”

Diciamolo subito: il pericolo è stato scongiurato. E solo per ora. Ma il solo fatto che in un Consiglio europeo, come quello che si è concluso venerdì pomeriggio dopo lunghe ore di negoziato, abbia trovato piena cittadinanza una discussione per il finanziamento da parte della Commissione di barriere anti migranti e limitazioni all’accordo sulla libera circolazione nello spazio Schengen racconta a che punto è arrivato il dibattito sul dossier migranti in Europa. E pensare che prima di salire sull’aereo che lo avrebbe portato a Bruxelles il premier italiano Mario Draghi si sentiva tranquillo mentre incalzava il Presidente del Consiglio Ue Charles Michel e lo sollecitava ad aprire una discussione approfondita con verifiche periodiche sull’attuazione del piano d’azione sui migranti.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img