spot_img

Cina, l’Ue in difesa degli uiguri


Bruxelles attiva la legge, approvata a dicembre, che prevede sanzioni alla Cina per il mancato rispetto dei diritti umani. Il nodo sull’accordo commerciale Bruxelles-Pechino

Le sanzioni dell’Unione europea verso quattro funzionari cinesi, coinvolti nell’arbitraria detenzione di almeno un milione di cittadini appartenenti alla minoranza musulmana degli uiguri nello Xinjiang, è il primo passo formale di Bruxelles verso Pechino sulla delicata questione, che finora si era limitata a reprimende verbali. Il Consiglio dell’Ue ha agito dopo anni di forti pressioni ricevute da gruppi in difesa dei diritti umani, in un momento storico ricco di aspettative nelle relazioni commerciali tra la Commissione e il Partito comunista cinese visto il recente accordo sugli investimenti, il Comprehensive Agreement on Investment.

Il Magnitsky Act europeo in difesa degli uiguri

Bruxelles ha agito grazie al Magnitsky Act europeo, ossia il Regime Sanzionatorio Globale sui Diritti Umani approvato lo scorso dicembre. Strumento dal forte impatto politico, permette all’Unione europea di prendere di mira entità e individui responsabili di atti gravissimi quali genocidi, atti contro l’umanità, tortura, schiavitù, omicidi extragiudiziali, violenza sessuale o basata sul genere, sparizione forzata, arresti e detenzione arbitraria, traffico di esseri umani.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

Israele/Palestina: la guerra del gas

Mezzo mondo va al voto nel 2024: ma come e per fare cosa?

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo