spot_img

Usa-Francia, pace (quasi) fatta tra Biden e Macron


Dopo le tensioni dovute al patto AUKUS, Washington e Parigi hanno intenzione di lanciare una partnership strategica della difesa sulle questioni di esportazione delle armi

Sorrisi, strette di mano, pacche sulle spalle. E poi quello che contava di più: l’ammissione, da parte del Presidente americano Joe Biden, che la gestione dell’accordo con l’Australia sui sottomarini nucleari, che ha fatto arrabbiare la Francia e portato alla cancellazione di un ricco contratto, è stata maldestra (clumsy). Degli errori sono stati fatti, sembra dire Biden, ma nella forma e non nel contenuto: anche perché gli interessi degli Stati Uniti sono cambiati, i sistemi di alleanze prediletti pure, e l’Europa deve tenerne conto.

Pace fatta?

Le proteste del Presidente francese Emmanuel Macron con Washington e Canberra hanno una componente legittima e una pretestuosa, e vanno analizzate tenendo conto delle elezioni presidenziali di aprile e della necessità di difendere l’onore nazionale davanti ai votanti.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

Israele/Palestina: la guerra del gas

Mezzo mondo va al voto nel 2024: ma come e per fare cosa?

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo