L’Italia senza mascherina


Da oggi non è più obbligatoria all'aperto ma sul Paese incombe la variante Delta. Così si parla di Green Pass dopo il richiamo, come avviene nel resto d'Europa. Ma c'è una buona notizia

Francesco Anfossi Francesco Anfossi
Caporedattore di Famiglia Cristiana e responsabile web per lo stesso settimanale.

Da oggi non è più obbligatoria all’aperto ma sul Paese incombe la variante Delta. Così si parla di Green Pass dopo il richiamo, come avviene nel resto d’Europa. Ma c’è una buona notizia

Oggi 60 milioni di italiani sono liberi di scendere all’aperto senza mascherina, provando l’ebbrezza di respirare liberamente. Ma è un po’ troppo presto per pensare a vacanze e discoteche, a decretare la fine di un incubo e di una tragedia mondiale in cui siamo precipitati per secondi, dopo la Cina, un anno e mezzo fa.

In una pandemia le varie fasi, i vari periodi, non procedono in fila indiana. Se ci stiamo lasciando alle spalle la variante Alfa, ecco incombere la variante Delta, che si sta diffondendo rapidamente (la buona notizia è che con la seconda dose di siero si è immuni al 95%).

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia