eastwest challenge banner leaderboard

Tunisia: 26 candidati per un Presidente

Le seconde presidenziali libere e democratiche nella storia del Paese. A ottobre è previsto il secondo turno

I sostenitori del candidato presidenziale detenuto e del magnate dei media tunisino Nabil Karoui reagiscono dopo i risultati non ufficiali delle elezioni presidenziali tunisine a Tunisi, Tunisia, 15 settembre 2019. REUTERS/Muhammad Hamed
I sostenitori del candidato presidenziale detenuto e del magnate dei media tunisino Nabil Karoui reagiscono dopo i risultati non ufficiali delle elezioni presidenziali tunisine a Tunisi, Tunisia, 15 settembre 2019. REUTERS/Muhammad Hamed

Si sono svolte ieri le affollatissime elezioni presidenziali in Tunisia, le seconde della storia del Paese dopo la rivolta del 2011 e la fine del Governo del Presidente Ben Ali.

Dal 2014, la Tunisia è stata governata da una coalizione formata da Ennahda, il partito di matrice islamica e costola politica della Fratellanza Musulmana, e Nidaa Tounes, la forza di Governo espressione dell’ex Presidente Beji Caid Essebsi scomparso a luglio scorso.

Nella caotica campagna elettorale di queste settimane (più di 90 le candidature proposte in origine), tre nomi dell'establishment e due outsider hanno cercato di convogliare le molteplici anime del Paese:

a. Youssef Chahed, premier uscente sostenuto dal nuovo partito di orientamento laico Tahya Tounes;

b. il liberale Abdelkarim Zbidi, ex Ministro della Difesa;

c. Abir Moussi (una delle due candidate donna) esponente del Parti destourien libre, legato all’eredità di Ben Ali e Abdelfattah Mourou, Presidente dell’Assemblea dei rappresentanti del popolo e candidato di Ennahda;

d. a scompaginare le carte Nabil Karoui, da alcuni soprannominato il "Berlusconi tunisino", l’imprenditore del settore media a capo di Nessma TV, che ha condotto la sua campagna elettorale dal carcere, dopo che il 23 agosto scorso (mentre era in cima ai sondaggi), è stato arrestato con l’accusa di riciclaggio e frode fiscale. Insieme a lui il semisconosciuto giurista Kais Saied che ha puntato tutto su una propaganda conservatrice (sì alla pena di morte, no all'omosessualità) e populista.

Se gli exit poll verranno confermati ( Saied 19, 5 - Karoui 15,5)  saranno proprio gli ultimi due candidati anti-establishment, ad andare al ballottaggio. Il secondo turno è previsto per ottobre. In un Paese schiacciato da una grave crisi economica e da profonde diseguaglianze sociali, difficile eredità di decenni di dittatura, sarà fondamentale il ruolo del nuovo Presidente, che dovrà rassicurare i tunisini sulla possibilità concreta che migliorino le loro condizioni di vita, dopo aver assaporato il gusto della democrazia e della libertà di espressione. E noi Europei abbiamo un’enorme responsabilità nel sostenere l’unica primavera araba di successo, finora.

@GiuScognamiglio

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA