spot_img

La Cina piange la morte di Shinzo Abe, ma i nazionalisti non dimenticano


La frammentata reazione cinese oscilla tra l'apprezzamento per un grande statista che ha sempre cercato di migliorare i rapporti con i vecchi vicini e l'odio per un Paese invasore che ha commesso crimini di guerra

Shinzo Abe, il Primo Ministro più longevo del Giappone, è stato ucciso l’8 luglio nella città meridionale di Nara. Abe stava conducendo una campagna elettorale per sostenere la rielezione di Kei Sato, un membro della camera alta del Parlamento giapponese. Le reazioni dei capi di Stato sono arrivate immediatamente, mentre il Presidente Xi Jinping ha atteso quasi 24 ore dopo l’attacco per fare le sue condoglianze istituzionali.

Tuttavia, mentre l’apparato burocratico cinese si è attaccato ai convenevoli, l’opinione pubblica cinese e i suoi social media hanno avuto una reazione antitetica. Cina e Giappone hanno avuto degli alti e bassi negli ultimi dieci anni. Tuttavia, Abe è stato in grado di far rinascere una situazione in cui le relazioni tra i due Paesi erano ai minimi termini e, in effetti, stavano capitolando su temi caldi come le isole Diaoyu/Senkaku.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo