spot_img

Myanmar: guerriglia social, l’altro fronte della guerra


In seguito al colpo di stato, il Myanmar è diventato un perfetto racconto dell’uso e dell’abuso dei social media come arma di informazione di massa negli scenari di guerra.

In seguito al colpo di stato, il Myanmar è diventato un perfetto racconto dell’uso e dell’abuso dei social media come arma di informazione di massa negli scenari di guerra.

Il 2 febbraio 2021, quando il Tatmadaw – le forze armate del Myanmar – ha marciato sul Parlamento, tutto è stato pubblicato subito sui social media. I carri armati e le macchine dei militari sono finiti sullo sfondo di una lezione di pilates postata quasi in tempo reale su Facebook.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Israele/Libano: sull’orlo della guerra

Le sfide del nuovo mandato del Presidente Ramaphosa

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo