Matteo Renzi, dal 40% a zero


Demolition Man, con quest’ultimo colpo di mano da più furbo del reame, riesce nell’impresa senza precedenti (e probabilmente irripetibile) di azzerare i suoi consensi elettorali. Per ragioni più etiche che politiche

Giuseppe Scognamiglio Giuseppe Scognamiglio
Giuseppe Scognamiglio, nato a Napoli il 16 luglio 1963. Diplomatico, Manager, Giornalista, Professore. Direttore della rivista eastwest

Demolition Man, con quest’ultimo colpo di mano da più furbo del reame, riesce nell’impresa senza precedenti (e probabilmente irripetibile) di azzerare i suoi consensi elettorali. Per ragioni più etiche che politiche

Il leader di Italia Viva ed ex Primo Ministro italiano Matteo Renzi tiene una conferenza stampa a Roma, Italia, 13 gennaio 2021. Alberto Pizzoli/Pool via REUTERS

Caos. Questa è la parola più usata dagli osservatori europei per definire la crisi aperta in Italia da Matteo Renzi il 13 gennaio scorso. Il Financial Times definisce il politico fiorentino “Demolition Man”, avvertendo che “la crisi italiana minaccia di ostacolare il Recovery Plan di Bruxelles”. La crisi arriva “nel momento peggiore possibile per l’Italia”, ribadisce il Guardian, mentre la rivista tedesca Die Zeit parla di “atto disperato” di Renzi per “riguadagnare finalmente visibilità e peso politico” e sottolinea che nei sondaggi Italia Viva si attesta al ¾% dei consensi, mentre la popolarità del Presidente del Consiglio supera il 50.

La crisi italiana scuote l’Europa, nessuno se l’aspettava e in molti si domandano come finirà.

Noi non lo sappiamo (bisognerebbe essere degli indovini), ma proviamo a fissare qualche punto fermo, attraverso i quali orientarci:

1) sbaglia chi equipara la nostra crisi a quella olandese, minimizzandone gli eventuali esiti, in nome dell’esercizio dei diritti democratici. Mark Rutte (che certamente non è simpatico a noi Italiani, per i suoi pregiudizi – in parte giustificati – nei nostri confronti) si è dimesso per un atto di serietà, dopo che il Governo olandese ha dovuto risarcire diverse famiglie a cui era stato richiesto di restituire il bonus figli a cui invece avevano diritto. Al centro sono state messe le difficoltà della popolazione, come sarebbe logico attendersi da qualsiasi Governo.

2) la mossa di Renzi, invece, appare tutt’altro che chiara, soprattutto agli elettori (come risulta evidente dai sondaggi e dai social media). Perché indebolire il Governo, mentre i contagi galoppano e tutto il Paese è bloccato? Non solo il mondo delle Istituzioni è impegnato nella campagna vaccinale, ma anche quello privato sta producendo uno sforzo senza precedenti per fronteggiare la pandemia: grandi aziende che hanno improvvisato produzioni di mascherine e piccole imprese che si sono riconvertite impegnandosi nei settori sanitari e parasanitari, per realizzare e distribuire prodotti anti Covid in tutto il Paese. Per non parlare delle migliaia di attività economiche al limite della sopravvivenza o già saltate, con ripercussioni drammatiche su economia e lavoro. Ma allora, perché rischiare nuove elezioni in questo momento? Certo, anche la Germania va a elezioni in autunno, ma quella sarà una scadenza naturale e la transizione sarà sicuramente meno traumatica. Invece, l’Italia affronta una crisi, non necessaria, in uno dei mesi più drammatici nell’evoluzione della pandemia.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia

Unione europea: miti e leggende