eastwest challenge banner leaderboard

Boris Johnson vuole rinegoziare l’accordo su Brexit

Boris Johnson è contrario al “backstop” tra le due Irlande. E cerca di avvicinarsi agli Stati Uniti. Ma spuntano sue dichiarazioni pro-Cina

Il Primo Ministro Boris Johnson durante un suo intervento a Manchester, Gran Bretagna, 27 luglio 2019. Rui Vieira/Pool via REUTERS
Il Primo Ministro Boris Johnson durante un suo intervento a Manchester, Gran Bretagna, 27 luglio 2019. Rui Vieira/Pool via REUTERS

Il nuovo Primo Ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha detto che non intende incontrare i leader europei finché non accetteranno di rivedere le loro posizioni sul backstop, ovvero quel meccanismo che dovrebbe evitare il ritorno di un confine rigido tra Irlanda e Irlanda del Nord. Johnson, sostenitore di una Brexit “dura”, è contrario al backstop perché non vuole che il Regno Unito resti legato all’Unione Europea.

Il nuovo Ministro degli Esteri Dominic Raab ha dichiarato ieri che il Regno Unito si sta preparando alla Brexit entro il 31 ottobre, con o senza accordo. Ma il Primo Ministro irlandese Leo Varadkar ha ricordato che l’opzione no-deal potrebbe aprire la questione dell’unificazione tra Dublino e Belfast, come peraltro temuto dai nazionalisti nordirlandesi che vogliono invece maggiore integrazione con Londra.

Sarà molto difficile per Boris Johnson tradurre la sua “linea dura” in realtà: l’Unione Europea non è disposta a riaprire i negoziati né a modificare il contenuto dell’accordo già raggiunto con Theresa May (quello che il Parlamento britannico ha bocciato tre volte). Per Bruxelles, insomma, il backstop è fuori discussione.

Non c’è solo l’Europa nell’agenda estera di Johnson. Mentre si stacca da Bruxelles, Londra ha bisogno di allinearsi agli Stati Uniti per non perdere rilevanza sullo scenario globale: e lo sta già facendo, ad esempio con il sequestro della petroliera iraniana a Gibilterra. Tuttavia, un anno fa Johnson si era anche definito pro Cina ed “entusiasta” della cosiddetta nuova Via della seta, il progetto commerciale e politico lanciato dal Presidente cinese Xi Jinping. Una posizione incompatibile con la vicinanza a Washington. 

@marcodellaguzzo

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA