spot_img

Cina: i cento anni del Partito comunista


La pandemia da Covid non ha affondato l'economia cinese, che, anzi, ha avuto una crescita del Pil del 2,3% nel 2020; piuttosto, ha rafforzato il discorso retorico del Pcc all'interno della Repubblica popolare

La pandemia da Covid non ha affondato l’economia cinese, che, anzi, ha avuto una crescita del Pil del 2,3% nel 2020; piuttosto, ha rafforzato il discorso retorico del Pcc all’interno della Repubblica popolare

Alla fine, sarà un bel centenario. Nonostante il Covid-19, l’aumento delle tensioni geopolitiche con gli Stati Uniti e con l’Occidente in generale, i fronti aperti con i vicini asiatici (dagli scontri al confine con l’India alle dispute nel Mar Cinese meridionale e nel Mar Cinese orientale con diversi Paesi Asean e con il Giappone).

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

Germania: la debacle dei partiti al governo

Colombia: la rottura di Petro con Israele

Il confine tra le due Coree torna caldissimo

Argentina: Javier Milei e la sua shock-therapy

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo