EN

eastwest challenge banner leaderboard

LA NOTIZIA DEL GIORNO

Regno Unito e Giappone: intelligence e tecnologia in chiave anti-cinese

Indietro

Le giapponesi Fujitsu e NEC sostituiscono Huawei per realizzare le nuove reti 5G del Regno Unito. L’accordo, in corso, può fissare standard digitali molto avanzati

Un robot 5G umanoide

Il robot 5G umanoide esegue una dimostrazione di calligrafia giapponese durante il Mobile World Congress a Barcelona, febbraio 2018. REUTERS/Yves Herman

Il quotidiano Nikkei scrive che nel prossimo accordo commerciale tra il Regno Unito e il Giappone sono previste misure ambiziose riguardo al trattamento dei dati. L’accordo prevede ad esempio che i due governi non possano né costringere le aziende a rivelare i loro algoritmi né obbligarle a conservare i dati in server locali, cioè situati all’interno dei territori delle due nazioni.

L’accordo commerciale con il Giappone è, per il Regno Unito, il primo in oltre quarant’anni di storia. E sta venendo negoziato in grande fretta – su pressione di Tokyo – in modo che possa entrare in vigore all’inizio del 2021, subito dopo la fine del periodo di transizione di Brexit.

Nonostante il poco tempo, il patto ha comunque l’ambizione di diventare un “modello” per la protezione della proprietà intellettuale e della libera circolazione dei dati che possa fungere da ispirazione per accordi futuri. Contrapponendosi, in un certo senso, ad un trend – quello della data localization – che guadagna sempre più terreno nel mondo.

I dati e la loro gestione sono temi di sempre maggiore interesse politico. Più in generale, le nuove tecnologie, come l’intelligenza artificiale e il 5G, stanno ridefinendo – e ridefiniranno nel prossimo futuro – l’ordine globale e gli equilibri di potere.

A proposito di 5G, subito dopo l’esclusione dell’azienda cinese Huawei, il Regno Unito si è affidato al Giappone. E ha già trovato in Fujitsu e in NEC Corporation – due società tecnologiche giapponesi – dei validi sostituti di Huawei per la costruzione della nuova rete. Londra ha tutto l’interesse ad aumentare il numero di fornitori di tecnologie per il 5G in modo da favorire la concorrenza e con questa l’abbassamento dei prezzi. L’esclusione di Huawei avrà infatti delle ripercussioni negative sia sui costi sia sui tempi di sviluppo della rete 5G britannica.

Al di là dell’avvicinamento sul 5G e sul commercio, il Regno Unito vuole rafforzare anche i legami strategici con il Giappone.

A metà luglio il Financial Times aveva ad esempio raccontato dei piani di Londra per la creazione di un “D10”: un gruppo di dieci nazioni democratiche unite nell’impegno comune di investire nella crescita di aziende rivali di Huawei. Tra i Paesi chiamati a raccolta compare anche il Giappone. Oltre ovviamente a quelli dei Five Eyes, l’alleanza per la condivisione di intelligence che riunisce l’Australia, il Canada, la Nuova Zelanda, gli Stati Uniti e appunto il Regno Unito.

Invertendo le parti, il Giappone ha intenzione di espandere la cooperazione d’intelligence con il Regno Unito, l’Australia e l’India e rafforzare le partnership militari. Lo scopo è il contenimento della Cina nel Mar cinese orientale.

@marcodellaguzzo

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA