spot_img

Taiwan: nuove tensioni con la Cina


Da diverse settimane Taiwan segnala una crescita di incursioni cinesi. Il Ministro degli Esteri taiwanese dice che, se necessario, si difenderà fino alla fine

Da diverse settimane Taiwan segnala una crescita di incursioni cinesi. Il Ministro degli Esteri taiwanese dice che, se necessario, si difenderà fino alla fine

Se la Cina è un dragone, un colosso da 9,6 milioni di chilometri quadrati e quasi un miliardo e mezzo di abitanti, Taiwan deve essere un porcospino. Cioè un Paese sì piccolo e imparagonabile per potenza al gigante cinese, ma ben armato e capace di difendersi, in modo da scoraggiare un’aggressione militare. Gli istrici fanno così: drizzano gli aculei per apparire più minacciosi e indurre il predatore di turno a rinunciare all’attacco, se vuole risparmiarsi le ferite e i costi associati.

Cosa vuole la Cina, cosa teme l’America

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cambogia: democrazia ma senza opposizione

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

Israele/Palestina: la guerra del gas

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo