spot_img

Il filo rosso che unisce l’Ucraina e il Nagorno Karabakh


Le tensioni tra Armenia e Azerbaijan, mai veramente sopite dal cessate-il-fuoco del novembre 2020, sono aumentate pochi giorni dopo l'inizio dell'azione militare russa in Ucraina

Tiziano Marino Tiziano Marino
[Roma] Analista politico e ricercatore specializzato in sicurezza internazionale e geoeconomia. Si occupa principalmente di Unione europea, Caucaso meridionale e India. Collabora con Il Caffè Geopolitico e New Eastern Europe.

Le tensioni tra Armenia e Azerbaijan, mai veramente sopite dal cessate-il-fuoco del novembre 2020, sono aumentate pochi giorni dopo l’inizio dell’azione militare russa in Ucraina

L’invasione russa dell’Ucraina sta provocando gravi ripercussioni sulla già precaria stabilità del Caucaso meridionale. Mentre in Georgia è in corso un pesante scontro istituzionale tra Governo e Presidente, divisi sul condannare o meno l’aggressione di Mosca, in Nagorno Karabakh si è ricominciato a sparare. Le tensioni tra armeni e azeri, mai veramente sopite dal cessate-il-fuoco del novembre 2020, sono aumentate pochi giorni dopo l’inizio dell’azione militare russa in Ucraina. A inizio marzo, le autorità armene del Nagorno Karabakh hanno denunciato operazioni militari azere nei villaggi di Norshen e Khramort mirate a intimidire la popolazione e favorirne il volontario allontanamento dalla regione. Lo scontro si è inasprito l’8 marzo quando la popolazione del Nagorno Karabakh è rimasta senza gas a causa di un incidente alla sezione del gasdotto Shushi-Zariflu posta sotto il controllo delle forze armate di Baku. Il blocco delle forniture, durato circa 10 giorni, ha lasciato al freddo buona parte degli oltre 100.000 armeni che ancora popolano la regione e ha scatenato la dura reazione delle autorità armene che hanno parlato apertamente di “azione di sabotaggio“.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato guarda a est ma abbandona il Mediterraneo

Prove di disgelo tra Corea del Sud e Giappone

I media e la loro influenza sulla nostra percezione del mondo