Usa: in due anni al-Qaeda potrebbe rafforzarsi in Afghanistan


Per il segretario alla Difesa, gli Stati Uniti potrebbero presto essere minacciati da un gruppo fondamentalista come al-Qaeda. Le sue parole confermano che la ritirata dall’Afghanistan è rischiosa

Marco Dell'Aguzzo Marco Dell'Aguzzo
Giornalista, scrive per eastwest, Il Sole 24 Ore, il manifesto, Vanity Fair, Aspenia e Start Magazine. Si occupa di energia e di affari nordamericani.

Per il segretario alla Difesa, gli Stati Uniti potrebbero presto essere minacciati da un gruppo fondamentalista come al-Qaeda. Le sue parole confermano che la ritirata dall’Afghanistan è rischiosa

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Lloyd Austin, pensa che a un’organizzazione terroristica come al-Qaeda potrebbero bastare un paio d’anni per rafforzarsi in Afghanistan e arrivare a minacciare la sicurezza degli americani in patria. Per Austin – lo ha detto in audizione al Senato, giovedì scorso – il rischio che questa possibilità diventi realtà è “medio”. In altre parole, nel giro di due anni gli Stati Uniti potrebbero dover tornare seriamente a preoccuparsi di un gruppo fondamentalista con base in Afghanistan che architetta attentati sul suolo americano.

La dichiarazione è molto rilevante perché arriva non da un oppositore, ma da un funzionario dell’amministrazione del Presidente Joe Biden. Riallacciandosi alle intenzioni dei suoi predecessori Donald Trump e Barack Obama, Biden ha infatti deciso che gli Stati Uniti ritireranno tutte le loro truppe dall’Afghanistan entro l’11 settembre 2021, mettendo così fine alla guerra più lunga mai combattuta dagli americani: è iniziata vent’anni fa, poco dopo gli attacchi alle Torri Gemelle.

Perché i militari americani sono contrari al ritiro dall’Afghanistan

Il disimpegno americano, motivato sia da ragioni di consenso che strategiche, ha sempre lasciato particolarmente perplesso l’apparato militare, che teme che il ritorno a casa dei soldati libererà il campo ai Talebani, consentendo loro di conquistare il potere e riportando di fatto la situazione al punto precedente all’intervento armato. L’esercito americano chiede allora che il ritiro non venga legato a una data stabilita a priori, ma alle condizioni di sicurezza effettive, sul campo.

Lloyd Austin è un ex generale, peraltro esperto di Medio Oriente, essendo stato comandante delle forze in Iraq. Con la sua ricostruzione è d’accordo un altro generale, il capo di stato maggiore e veterano dell’Afghanistan Mark Milley – era audito anche lui in Senato –, che ha aggiunto: “Penso che se accadranno certe altre cose – se ci fosse un collasso del Governo o la dissoluzione delle forze di sicurezza afghane –, quel rischio ovviamente aumenterebbe. Ma al momento direi ‘medio’ e circa due anni, più o meno”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia

Unione europea: miti e leggende