spot_img

Usa e Cina a colpi di Pil: a chi andrà il primato economico?


Uno studio realizzato dal Japan Center for Economic Research dice che l’economia cinese supererà quella statunitense nel 2033. Ma il primato durerà solo 17 anni. Ecco perché

Nella competizione per l’egemonia globale tra America e Cina, la grandezza dell’economia è un aspetto cruciale. Non a caso Joe Biden ha detto varie volte di voler impedire il sorpasso cinese e che “gli Stati Uniti continueranno a crescere e a espandersi”. Xi Jinping, invece, vuole che la Cina raggiunga lo status di massima potenza al mondo entro il 2049, centenario della proclamazione della Repubblica popolare. Lo è, un aspetto cruciale, non soltanto per le questioni simboliche connesse al primato, ma perché un Pil massiccio può favorire la creazione di ampie sfere di influenza e la leadership “sistemica” (ad esempio per “l’ordine” commerciale e finanziario): è una cosa che Washington vuole mantenere e che Pechino vuole raggiungere.

Oggi gli Stati Uniti sono il Paese con il Pil più alto al mondo; la Cina è seconda, ma ha una popolazione decisamente più numerosa: 1,4 miliardi di persone, mentre gli americani sono circa 331 milioni.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Al via la campagna elettorale in Messico

Cambogia: democrazia ma senza opposizione

COP 28: Green New Deal for Future

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo