spot_img

Piano anti Covid: Biden avanti tutta


Dieci senatori repubblicani hanno proposto un’ipotesi di legge di bilancio anti Covid. Ora Biden deve fare la sua scelta, ma i democratici sembrano intenzionati ad andare per la loro strada

Martino Mazzonis Martino Mazzonis
Giornalista e ricercatore, è autore di Come cambia l’America (con Mattia Diletti e Mattia Toaldo, 2009) e di Tea party (con Giovanni Borgognone, 2011).

Dieci senatori repubblicani hanno proposto un’ipotesi di legge di bilancio anti Covid. Ora Biden deve fare la sua scelta, ma i democratici sembrano intenzionati ad andare per la loro strada

I senatori Mitt Romney e Susan Collins a Capitol Hill, Washington, Usa, 3 dicembre 2020. REUTERS/Tom Brenner

Dieci senatori repubblicani hanno presentato un’ipotesi di legge di bilancio che prevede 600 miliardi di spesa per restituire fiato all’economia americana, che nell’ultimo trimestre 2020 ha registrato un dato di crescita peggiore delle previsioni e un numero di richieste di sussidi di disoccupazione che è tornato a crescere. La situazione della pandemia migliora molto lentamente e il programma vaccinale prosegue a tappe forzate, ma per tornare alla normalità ci vorranno comunque mesi. Questa iniziativa repubblicana, che prevede una spesa pari a un terzo di quella proposta dai democratici, è un primo importante test per l’amministrazione e le relazioni tra i partiti in Congresso. Un test per quell’unità proposta da Biden come soluzione ai guai profondi e alle divisioni che attraversano il Paese. L’iniziativa dei senatori è accompagnata da una lettera al Presidente che dice, in sintesi, “la stiamo prendendo in parola”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania