spot_img

Build Back Better World: la risposta di Biden alla Nuova via della seta


L'alternativa democratica, e più ambiziosa, alla Belt and Road Initiative coinvolgerebbe Stati Uniti, i restanti membri del G7 e altri partner affini

L’alternativa democratica, e più ambiziosa, alla Belt and Road Initiative coinvolgerebbe Stati Uniti, i restanti membri del G7 e altri partner affini

Joe Biden ha il pallino per le infrastrutture: ha dedicato loro un piano da 2000 miliardi di dollari e pensa che renderanno gli Stati Uniti più competitivi, permettendogli di vincere la corsa con la Cina. La sfida a Pechino ha però una portata internazionale. E dunque, per poter raggiungere il loro scopo, le infrastrutture americane dovranno per forza farsi globali.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

Germania: la debacle dei partiti al governo

Colombia: la rottura di Petro con Israele

Il confine tra le due Coree torna caldissimo

Argentina: Javier Milei e la sua shock-therapy

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo