spot_img

Coronavirus e sanità: le sfide di oggi


Coronavirus: la sanità globale ha mostrato mancanza di preparazione. L'epidemia obbliga a ripensare a economia e globalizzazione

I primi Paesi al mondo per la qualità dei sistemi sanitari, considerato l’obiettivo di garantire la salute della popolazione ma anche un accesso equo alle cure, sono Francia e Italia secondo una classifica dell’Organizzazione mondiale della sanità. A poca distanza segue la Spagna. Gli Stati Uniti e la Svizzera sono i Paesi con la più alta spesa sanitaria per persona (10.500 e 7.300 dollari rispettivamente). Il Giappone e la Corea del Sud hanno il maggior numero di letti d’ospedale rispetto al totale della popolazione (circa 13 per mille), mentre Stati Uniti, Germania e Italia hanno la più alta disponibilità di terapie intensive, stando ai dati raccolti da Statista.

Sono questi i Paesi con i migliori sistemi sanitari del pianeta. Eppure proprio questi Paesi sono stati finora i più colpiti dal coronavirus. Che le strutture meglio organizzate e con più risorse al mondo siano state colte di sorpresa mesi dopo l’inizio dell’epidemia in Cina è la prova che qualcosa non abbia funzionato nella gestione del rischio.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo